Un bicchiere è bene, due è meglio


Ero disteso e lei seduta nell’angolo di letto,
ieratica nella sua nudità e nei gesti delle mani.
La schiena ritta, solenne,
la mia mano sulla sua gamba,
il volto ora nascosto, ora velato nel fumo,
mi tendeva lo spinello:
se bevo dopo aver scopato non è amore,
mi disse.
Era al secondo bicchiere, doveva detestarmi.

Ero disteso e lei verbosa parlava di sé, dei suoi amanti,
parlava di storie pareva importanti.
La schiena ritta, solenne,
la mia mano sulla sua gamba,
il volto ora serio, ora ammiccante,
mi tendeva lo spinello:
se rido mentre mi prendi non è una cosa seria,
mi disse.
Rideva e rideva alle lacrime, pareva dileggiarmi.

Nel ridere, nel fumo, nell’alcol,
con la mia mano sulla sua gamba
il mio sguardo accecava il sole
e lo sentivo caldo lassù, oltre gli intonaci,
oltre il soffitto:
bevi e ridi, le dissi sardonico e
aspirai dal suo spinello:
berrò, riderò e fumerò con te.

Bicchieri e risa e fumo tanto,
finché non smettemmo di ridere
e poi di bere.
Il denso fumo bianco ci avvolgeva
e il sole rideva oltre,
oltre, oltre, oltre,
oltre gli intonaci, oltre il soffitto.

Nel breve svanì anche il fumo e svanì lei
e il sole rise altrove,
per altri soffitti, per altri cieli.
Io tornai a bere e a ridere di me.

luca

 

16 pensieri riguardo “Un bicchiere è bene, due è meglio

  1. “Era al secondo bicchiere, doveva detestarmi.”
    “Rideva e rideva alle lacrime, pareva dileggiarmi.”

    Non ho davvero parole, l’ho riletta più volte e mi piace sempre di più, complimenti!
    Si capisce che proviene da un’esperienza personale, le parole sono cariche di sentimenti e non le si trova in chiunque.

    "Mi piace"

  2. Le vie del blog sono infinite chissà come sono ritornata lo ammetto casualmente ui, a questa poesia e forse la mia tristezza mi ha fatto concludere nella sua conclusione ( Della poesia) che la vita è racchiusa in un Minuetto di incomprensioni e però tra l’una e l’altra le mani si incontrano e ci sono inchini…
    shera

    Piace a 1 persona

    1. Felice che il caso ti abbia accompagnata sin qui, ancora una volta, meno felice sicuramente è però comprendere di questa tua tristezza che accenni. Resto nella speranza che una volta così giù il richiamo suadente di cose più gioiose ti abbia voluta ricondurre velocemente fuori dal malumore. Tutto il bene.

      "Mi piace"

  3. Meravigliosa poesia. Molto sensuale, ma ancor di più amara, amarissima (e autolesionista: non va bene!).

    Ma chi è questa stronza? Se hai problemi (tutti ne abbiamo, e tanti, ricorda) perché ti unisci, anche per poco, a persone negative? Lo feci anch’io tanti anni fa, fu una perdita di tempo (3 anni!!), di cuore e altro. Avrai delle esigenze da uomo, anche io ovv. in quel caso. Ma è meglio stare soli per un po’ e trovare persone valide, che scopazzare qua e là. Magari scopazza, ma scopazza bene, non così.

    Bellissima l’immagine, tra le altre:

    “ieratica nella sua nudità e nei gesti delle mani.
    La schiena ritta, solenne,
    la mia mano sulla sua gamba […]”

    E’ una dea, parole sensuali da leggere, ma una dea perduta? cattiva? stupida? ecc.?

    “se bevo dopo aver scopato non è amore,
    mi disse.
    Era al secondo bicchiere, doveva detestarmi”

    Bello anche quando fumate e fumate e tutto pian piano scompare, come è logico: il sole ride altrove, tutto va altrove, è logico.

    Se sei in crisi, lascia l stronze, non fumare canapa, è una pessima risposta, il più delle volte
    E poi, il masochismo: perché ridere di te? Ridi della sua pochezza (nella tua testa, solo).

    Non ti curar di lei, non guardarla nemmeno (e passa).

    Piace a 1 persona

    1. Grazie per l’apprezzamento, Giovanni e per il bel commento.
      Come talvolta mi è capitato di dire, scrivo qui per non ricadere nella tentazione di cestinare quanto scritto o lasciare che questo cada nel dimenticatoio, disperso qui e là nella certezza che poi in futuro il tutto andrebbe comunque perso. Certo, anche qui si può cancellare quel che si vuole ma per il mio cervello (malato) è comunque un processo che comporta un’operazione mirata, non istintiva come accade nel leggere qualcosa su un foglio di carta e stracciarla lì per lì tra le mani o fare un delete cliccando su un file di word-processor. Sono sicuro tu mi stia capendo.
      Sin da ragazzo ho sempre accarezzato l’idea di appuntare le mie vicende personali, così come tanti ragazzi fanno archiviando le loro giornate nei diari personali. L’idea del diario però, così come normalmente inteso (caro diario, oggi il compito in classe mi ha dato non poco filo da torcere…) non mi ha mai ispirato, era una forma nella quale mi rivedevo stupido, mi bloccava. Ed ecco che ho iniziato a scrivere a mio modo, in questa forma che tutti mi dicono poesia ma che per me è semplicemente il mio modo per raccontarmi, liberarmi, lasciare che i ricordi trovino altra forma e altra casa e non opprimano la mia testa. Ma anche per non dimenticare del tutto e questo perché mi sono reso conto che la mia memoria ad un certo punto inizia a fare capricci: mescola, confonde, crea dei buchi, fino a dimenticare totalmente. Nel tempo, certo, lo vedo anch’io, ho maturato un mio stile che credo sia riconoscibile e che possa piacere, indipendentemente da cosa io ci metta al suo interno, indipendentemente dal fatto che siano parole nate da esperienze di chi scrive. Ecco il perché di questa forma che molti la dicono poesia confessionale.
      Sai una cosa, non fumo neanche le normali sigarette.
      Mai preso né vizio né dipendenza. La cannabis era solo una condivisione ma credo io non abbia mai fumata veramente, così come si dovrebbe fumare.
      Grazie.

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.